• Cara Selvaggia Lucarelli, stavolta (forse) hai toppato

    La storia più o meno la conosciamo tutti. Ma forse un riassuntino prima di approfondirla non fa male. Dunque, il tema portante è quello degli assorbenti per le donne. Trattati come “bene di lusso” da un Governo che tenta di sforbiciare qua e là l’Iva al fine di racimolare consensi in vista delle imminentissime elezioni Europee (e Comunali). Proprio gli assorbenti, fulcro della discordia, restano tassati sopra il 20%, fuori dalle suddette paracule sforbiciate. A differenza di altre cose (tipo le lamette da barba) che invece risiedevano già o scendono ora al 4, tra gli oggetti considerati “di prima necessità”.
    In rete scoppia la solita sterile polemica. Il 5 Stelle Francesco D’Uva ci casca con tutte le scarpe, e spara a zero suggerendo al mondo di passare alla coppetta mestruale. A chiudere la frittata delle frittate ci pensa poi lei, Selvaggia Lucarelli, che dall’alto della sua pagina Facebook pontifica sull’adepto del poro Grillo.

    Commenti disabilitati su Cara Selvaggia Lucarelli, stavolta (forse) hai toppato
  • Per il mio compleanno mi regalo una bella incazzatura

    Un omicidio e uno stupro. Anzi, cronologicamente: un doppio plateale e cinematografico stupro, più un porocristo freddato a mezzogiorno dentro il suo negozio. Questi i due temi che negli ultimi giorni hanno portato Viterbo e la sua dolce provincia papale al centro delle cronache nazionali. E così sia.

    Commenti disabilitati su Per il mio compleanno mi regalo una bella incazzatura
  • Vi giuro che prima o poi la pianto. Promesso

    È che io alla fine l’ho da piantà. Alberi, arbusti, cespugli, spontanee, perenni, annuali, fiori, talee, radici nude, trapianti, grasse, sempreverdi… Non importa cosa. L’importante è solo che pianto.
    Mi si è presa così porca mimosa. Mi sono mezzo fissato. E saranno almeno tre anni che l’ossessione va aumentando. D’estate e d’inverno studio. In primavera o in autunno tiro fuori gli attrezzi, scavo buche, dichiaro nuovi alloggi, e confido che saranno solo il meteo e il terriccio a darmi una mano.

    Commenti disabilitati su Vi giuro che prima o poi la pianto. Promesso
  • “Rumore, sudore e vecchie cassette” giù da Allen

    Difficilmente ci piace parlare di noi stessi. E di norma, se lo facciamo, è per prenderci almeno un po’ per il culo. Stavolta invece saremo seri, strano ma vero. E non solo racconteremo di noi, no. Ci faremo anche e per giunta un poco di pubblicità.
    Avanti quindi con l’auto-promozione spinta.

    Commenti disabilitati su “Rumore, sudore e vecchie cassette” giù da Allen
  • Al Moutan è partita la stagione delle peonie

    Made in China. Che quando lo becchi stampato su un asciugacapelli o sul bordo interno di un paio di sandali, salvati cielo, sai già quanto poco dureranno.
    Non tutto il Made però, pardon il male, vien per nuocere. E non tutta la Cina deve essere per forza di cose sinonimo di Usa e getta (Usa con la U grande, così se prima la confusione geografica era già alta, adesso non ci si capisce proprio più niente).

    Commenti disabilitati su Al Moutan è partita la stagione delle peonie
  • Moriremo d’inedia o di geotermia?

    Prima del benemerito cittadino Rami (che non è quello che giocava nel Milan), e soprattutto prima ancora della signorina Greta Thunberg Erman (e chi non la conosce è un’Izabella qualsiasi), anche il viterbese ha strano ma vero avuto la sua personalissima ondata rinascimental-ambientalista.
    In pochi se le ricorderanno, a veder bene. Giacché quando si parla di ambiente il pubblico di norma si divide a metà tra i sostenitori del “checcojoni” e i portabandiera del “non ne so nulla, stavo guardando Malgioglio radersi su Facebook”.