L’infinito dalla finestra tra solitudine e surrealtà

di Matteo Valentini

La mia casa è piccola ma le sue finestre si aprono su un mondo infinito e la solitudine di queste settimane può essere una tremenda condanna o una meravigliosa conquista.

Gli amori moderni ritrovati in casa durante questo periodo di quarantena sono i pigiami, telefoni, portatili, libri, film e album di fotografie. L’universo misterioso dell’amore si intreccia indissolubilmente con le piccole cose di tutti i giorni vissute in solitudine.

La solitudine /so·li·tù·di·ne/ è un’ironica e gustosa riflessione sulle idiosincrasie del periodo che si sta vivendo chiusi in casa, sulla sua inevitabile misantropia, e di come questo amore per gli oggetti si trasformi in una soluzione per ridare un senso alla propria vita.

Ed eccola li che mi si presenta “SaLve sONo la nUoVA coiInQuilinA, mi chIAmo solitudine Nella qUAle l’InDivIDuo si isOLa per sCElta pROPriA o per viCeNdE pERSonAli e AcCidENtali di viTa, tANto piAcEre…

Ed eccola lì. Appoggia le sue valigie in camera e si siede accanto a me fissandomi e sorridendo, guardo nei suoi occhi… un mare mai raggiunto da nessuna riva, nessuna strada, non vedo nulla di nulla finchè… o mio Dio dei miei amici sono l’unico che mi è rimasto.

No non è possibile ma posso uscire? Tanto qui non arriverà mai è un pese piccolino ti pare eh? Te, si te cosa ne dici? È possibile secondo te?… mh posso comunque stare sul balcone a fare flash mob… ma perché poi?

No no meglio stare chiusi in casa “eH Di QueStO VoleVo ParlArti” un attimo un attimo cosa volevi dirmi Big Esse “StaRe ChiUSI in Casa cOn me è una BellA cosa ma cè biSOgno di QualCuno che ti DICa che è Una BELla Cosa”.

Si questo non lo metto in dubbio potremmo sfruttare questo periodo per fare un viaggio interiore scoprire noi stessi questa pandemia potrebbe rivelarsi il giro di boa che ci serviva… oppure no.

Avevo iniziato un tirocinio cominciava ad andare bene almeno qualcosa non posso rimanere adesso chiuso qui… con te… Stupita, strana, ma stupenda vita….

La nostra vita è la cosa più preziosa che abbiamo, ma molto spesso non ci pensiamo e viviamo senza quasi neanche accorgercene.

Dato che ne abbiamo una sola dovremo cercare di viverla al meglio e non sprecarne neanche un solo istante. La vita deve essere vissuta e la curiosità mantenuta viva. Non si deve mai, per qualsiasi motivo, girare le spalle alla vita.

Questo non vuol dire concentrarsi su tutto ciò che è strettamente materiale, ma è necessario apprezzarne soprattutto il valore spirituale.

Matteo Valentini – Illustratore, grafico

0Shares
Commenti disabilitati su L’infinito dalla finestra tra solitudine e surrealtà