Recensioni a “Pizza e fiki”

…dalla libreria della signora Giovanna

Ero molto curiosa di leggere questo libro ma anche timorosa che i contenuti fossero “troppo” per me. Infatti, per l’età e la mia formazione personale potevo anche non appassionarmi alla lettura e non dare un giudizio obiettivo.
Ancora non so dove le mie parole andranno a finire. Certo rifletterò molto e alla fine riuscirò a dire quello che penso, molto serenamente.

Dopo questa premessa…
recensioni a “pizza e fiki”
“Due donne alla casa Bianca” di Amy Bloom.
Si inizia con una donna che ne aspetta un’altra: ha fatto la spesa acquistando in particolare l’occorrente per preparare un Sidecar e alcuni generi alimentari.
La radio annuncia che in Germania che due aerei americani stanno attaccando postazioni nemiche in Germania e che la vittoria è in vista. Qualche
ricordo affiora alla memoria, quando suona il campanello del modesto appartamento
Aprendo la porta la signora si trova appoggiata al muro Eleanor Roosevelt…
La donna che ha aperto la porta è Hick e le due si amano da anni. Hick è vissuta a lungo alla Casa Bianca.
Quindi il libro è un lungo flash back o retrospezione sui lunghi anni del loro rapporto, nonostante Franklin, nonostante Eleanor sia stata la first Lady per ben due mandati presidenziali
Al momento dell’incontro con cui inizia il romanzo, Roosvelt è morto, i figli di Eleanor non vedono di buon occhio la storia della madre con Hick, ma le due sono intenzionate a continuare il loro rapporto, che nel corso degli anni ha subito qualche stop causa impegni lavorativi di entrambe le donne.
Ora sinceramente di più non ho da dire.
Il romanzo racconta momenti di vita insieme alla Casa bianca dove Hick è ospitata e frequenta la camera da letto della first Lady.
Il presidente non fa una bella figura, non come presidente, ma come uomo (a Hick non piace, è gelosa?) ma consente alle due di vivere sotto lo stesso tetto… e che tetto!
Dovete riconoscere che l’argomento trattato è scottante. Eleanor appare una donna con forti valori sociali e politici. Tra le braccia della donna amata si sente protetta e al sicuro dimenticando le responsabilità che ha per il suo ruolo.
Hick partendo dalla miseria è diventata giornalista attenta al sociale. Il Presidente fu la salvezza per gli Stati Uniti di quegli anni. La scrittrice però mirava a focalizzare il racconto sulla coppia omosessuale. Il loro grande amore è il perno attorno al quale gira la storia. Del rapporto tra i coniugi Roosvelt non si dice nulla. Ecco la frittata è fatta. Secondo voi mi è piaciuto questo libro?
Buona lettura.

0Shares
Commenti disabilitati su Recensioni a “Pizza e fiki”