Un salto alla Biennale di venezia 2019

Passiamo un week end a Venezia, è un classico ormai…

Non possono trascorrere piu di 3/4 anni che dobbiamo tornarci: sentire l’odore di laguna, attraversare i ponti con le gondole che ti fanno l’occhiolino, ascoltare il chiacchiericcio delle 2000 lingue diverse e i volti di tutto il mondo, fa parte di quei ricordi che vanno coltivati.

Quest’anno però andiamo anche a visitare la BIENNALE 2019, la mostra mondiale sull’arte contemporanea. Appena arrivo penso subito al film di Alberto Sordi del 1978 con Anna Longhi “Dove vai in Vacanza?”. Impossibile non pensare alla mitica scena di Augusta adagiata sulla sedia sotto la palma mentre viene scambiata per una statua vivente.

Posso dirvi che dal 1978 ad oggi non sono cambiate più di tanto le opere esposte: pietre sul pavimento, buchi sui muri, cerchi concentrici, etc… In questi 40 anni ci siamo evoluti sopratutto in fatto di tecnologia: in effetti sono tanti i filmati che vengono proietti nelle varie sale, ma di interessante e veramente innovativo, a mio avviso, non c’è stato poi molto. Forse è davvero il caso di tornare al classicismo e ricominciare tutto da capo!

0Shares
Commenti disabilitati su Un salto alla Biennale di venezia 2019