5 luoghi comuni sugli estivi luoghi comuni

Ogni anno la solita nzolfa. Ogni anno qualcuno continua a cascarci.
Le nostre vacanze. Nate coi migliori auspici… e finite in tragedia

Stavolta non mi fregano. Questa estate la passo lì, che vedrai che va meglio rispetto all’anno scorso. E invece niente. Ci si ricasca sempre.
Ecco a voi l’elenco delle classiche e puntuali condanne festive.

La classica caletta desolata che nessuno conosce (Foto SiViaggia)

1 Vado a Rimini che punto tutto sui servizi. Lo so che il mare non è granché, ma vuoi mettere…

– Una piadina e due Mojito. Quanto le devo?
– Fanno 48 euro, grazie.
– Con o senza passamontagna?

2 Meglio la Sardegna. Caletta deserta e natura a palla.

– Oh, ma tu lo vedi uno spazio libero dove stendere l’asciugamani in mezzo a quel prosciuttificio?
– No. Famose un’Ichnusa allora, che me sa che è meglio.
– Ma se l’ha comprata l’Heineken… La trovi pure al supermercato a Tessennano.

3 Discoteche e figa crucca a secchiate. Ibiza, arrivo.

– Il buttafuori ci fa entrare da dietro, dice che è de Viterbo.
– Ah bella, che fai stasera?
– Fatte le cazze tue…
– Pure la tipa me sa che è de Viterbo.

4 Perché aggiungere caldo al caldo? Andiamo in montagna.

– Lo senti che freschetto fa quassù?
– Lo sento sì, semo a meno 16. Ieri c’è stata na slavina.
– Che ce li prepara due punch per favore?
– Sono 22 euro.
– Facciamo uno solo va, che io c’ho un po’ di bruciore di stomaco. E non solo…

5 Ma qui c’avemo tutto. Rimango a Montalto.

– Stasera il concerto de Pupo, domani liscio al centro commerciale, e per ferragosto gara dei pattini. Che programmone.
– Dove li vendono corda, sapone e sgabello?

Incoraggianti conclusioni di prospettiva.

– Eh, ma l’anno prossimo col cacchio che ce fregano…

0Shares
Commenti disabilitati su 5 luoghi comuni sugli estivi luoghi comuni