I 100 anni di Valentino Mazzola: il Torino celebra la sua storia

Nel calcio la storia è importante. Ci indica chi eravamo, da dove veniamo, che cosa abbiamo fatto e ci spiega il percorso da intraprendere per il futuro. Qualche giorno fa il Torino ha omaggiato la sua storia: ha ricordato attraverso un triangolare per la categoria Pulcini i cento anni dalla nascita di Valentino Mazzola. Il capitano del Grande Torino, l’uomo che con il semplice gesto di alzare le maniche dava la scossa alla squadra e faceva partire il “quarto d’ora granata”. Valentino Mazzola è scomparso nel 1949 accartocciato tra le rovine dell’aereo che si schiantò sulla collina di Superga. Ma le sue imprese e quelle dei granata sono entrate a piedi uniti nella storia del calcio e sono diventate mitiche dopo Superga. Una squadra così non si è mai più vista: per questo il ricordo di quelle partite, di quelle imprese calcistiche, resta ancora vivo a 70 anni di distanza. Purtroppo in pochi ancora possono avere la fortuna di dire “Io li ho visti giocare”, “Io ho gioito per un gol di Valentino Mazzola” ma queste cerimonie servono proprio a tenere viva la fiammella del ricordo e a rileggere la storia.

In un calcio che somiglia sempre più al gossip, si sente quasi il bisogno di evocare personaggi come Mazzola, Bacigalupo, Ballarin, Castigliano, Grezar, Ossola: sono alcuni dei giocatori del Grande Torino. Gente che aveva origini umilissime e che con il calcio si divertiva e faceva divertire. Qualcuno dirà: altri tempi, altra cultura, altro calcio. Ma in un periodo in cui ognuno si improvvisa opinionista di se stesso, certi esempi è giusto ricordarli, è doveroso ripetere frasi e gesta perché è dai maestri che si impara qualcosa nel calcio come nella vita. Bene, pertanto, ha fatto il Torino a celebrare i cento anni dalla nascita di Valentino Mazzola: e lo ha fatto nel rinnovato stadio Filadelfia, lo stesso che fu teatro delle gesta di Valentino e del Grande Torino. L’atmosfera è stata resa ancora più magica e commovente dal fatto che un altro Valentino (11 anni) ha indossato la maglia granata con il numero 10: si tratta del nipote di Sandro Mazzola, colonna dell’Inter tra gli anni ’60 e ’70. Di padre in figlio in nipote: la storia ha parlato di nuovo.

 

Foto tratte da Avvenire.it

12Shares
Commenti disabilitati su I 100 anni di Valentino Mazzola: il Torino celebra la sua storia