• C’era una volta il Sole che Ride. Come hanno ucciso l’ambientalismo in Italia

    C’erano una volta i Verdi in Italia. Oggi che l’ambientalismo sta riprendendo piede in Europa, al punto che il movimento verde è una forza di rilievo nel nuovo Parlamento europeo, fino ad essere forse quasi determinante per i futuri assetti istituzionali e politici in seno alla Ue, da noi se ne sono perse le tracce.

    0Shares
    Commenti disabilitati su C’era una volta il Sole che Ride. Come hanno ucciso l’ambientalismo in Italia
  • Un quarto de l’Ottavo

    Approfondimento culturale rubato a parenti vicini e lontani

    0Shares
    Commenti disabilitati su Un quarto de l’Ottavo
  • Sorelle d’Italia, due gol contro i pregiudizi

    Tutti pazzi per il calcio femminile. In Italia è scoppiata la mania: oltre 3,5 milioni incollati alla tv per vedere l’esordio vincente delle azzurre contro l’Australia. E poco importa che era la prima vera domenica d’estate e che sotto l’ombrellone si stava meglio. Di calcio non ne sappiamo fare a meno, quindi la partita si vede con ogni mezzo possibile e la tecnologia da questo punto di vista aiuta tanto. È stata gara vera che ha sovvertito tutti i pregiudizi che il calcio femminile si portava appresso: inutile elencare le inutili considerazioni sul fatto che le donne non reggessero il paragone con i colleghi uomini e amenità simili. Vale solo la pena ricordare – affinché non si ripeta mai più – l’infelice (eufemismo) frase dell’ex presidente della Figc Carlo Tavecchio “la donna si riteneva un soggetto handicappato rispetto al maschio sulla resistenza, sul tempo ed espressione anche atletica, invece abbiamo riscontrato che sono molto simili”. Ecco, magari, questa sì la riponiamo nel cassetto dei pregiudizi.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Sorelle d’Italia, due gol contro i pregiudizi
  • C’era una volta Civita. Il ricordo della città che muore negli occhi di chi l’ha vissuta

    Parla di questo e parla di quello, alla fine l’Arenone (oltre al casino) crea pure un po’ di dibattito. Di seguito la piacevolissima lettera amarcord giunta in redazione da un nostro lettore. Godetevela.

    0Shares
    Commenti disabilitati su C’era una volta Civita. Il ricordo della città che muore negli occhi di chi l’ha vissuta
  • Il Trono di Spade, ovvero come diventare dipendente da una serie tv

    Sono finita nel tunnel delle serie tv. Lo confesso. O forse ci sono rientrata, visto che in passato mi era già capitato di seguirne spasmodicamente alcune che mi avevano creato dipendenza, seppur non come adesso: Romanzo Criminale (Io stavo col Libanese, ovvio), Criminal Minds (ho saltato solo l’ultima stagione), Suburra (la seconda serie l’ho vista in una notte), le prime stagioni di Grey’s Anatomy (poi in seguito abbandonato), Daredevil (l’ho amato da impazzire, ma la terza serie è stata una mezza delusione: senza Black Sky mancava quell’emozione che mi aveva portato ad adorare il Diavolo di Hell’s Kitchen anche nel ben fatto spin off The Defenders).

    0Shares
    Commenti disabilitati su Il Trono di Spade, ovvero come diventare dipendente da una serie tv
  • Il flash degli Igers Viterbo

    Sembra finalmente essere arrivata l’estate e il lago di Bolsena è pieno di turisti e locals che possono godere delle sue acque.

    0Shares
  • Un quarto de l’Ottavo

    Approfondimento culturale rubato a parenti vicini e lontani

    0Shares
    Commenti disabilitati su Un quarto de l’Ottavo
  • Nasce la mostra allestita dal gruppo archeologico di Lubriano

    A Lubriano è nata la mostra dei reperti di epoca Etrusca e Romana allestita presso la sede comunale. Si tratta dell’esposizione permanente di ritrovamenti riportati alla luce dal gruppo archeologico Castrum Lubriani.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Nasce la mostra allestita dal gruppo archeologico di Lubriano