• La magia del ballo di Primavera al palazzo Monaldeschi di Lubriano

    Chi non ha sognato, anche solo per una volta, di ritrovarsi in un’altra epoca. Vivere un altro periodo storico e immergersi negli usi e nei costumi di un tempo lontano ma vicino al nostro personale ideale di società, usi e costumi.

    0Shares
    Commenti disabilitati su La magia del ballo di Primavera al palazzo Monaldeschi di Lubriano
  • Cara Selvaggia Lucarelli, stavolta (forse) hai toppato

    La storia più o meno la conosciamo tutti. Ma forse un riassuntino prima di approfondirla non fa male. Dunque, il tema portante è quello degli assorbenti per le donne. Trattati come “bene di lusso” da un Governo che tenta di sforbiciare qua e là l’Iva al fine di racimolare consensi in vista delle imminentissime elezioni Europee (e Comunali). Proprio gli assorbenti, fulcro della discordia, restano tassati sopra il 20%, fuori dalle suddette paracule sforbiciate. A differenza di altre cose (tipo le lamette da barba) che invece risiedevano già o scendono ora al 4, tra gli oggetti considerati “di prima necessità”.
    In rete scoppia la solita sterile polemica. Il 5 Stelle Francesco D’Uva ci casca con tutte le scarpe, e spara a zero suggerendo al mondo di passare alla coppetta mestruale. A chiudere la frittata delle frittate ci pensa poi lei, Selvaggia Lucarelli, che dall’alto della sua pagina Facebook pontifica sull’adepto del poro Grillo.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Cara Selvaggia Lucarelli, stavolta (forse) hai toppato
  • Un grazie ai nostri lettori

    L’articolo uscito ieri sulle colonne dell’Arenone (lo trovate qua) ha sorprendentemente superato le 20mila visualizzazioni. Tante, tantissime, un’infinità, per un blog piccolo e anarchico come il nostro.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Un grazie ai nostri lettori
  • Un quarto de l’Ottavo

    Approfondimento culturale rubato a parenti vicini e lontani

    0Shares
    Commenti disabilitati su Un quarto de l’Ottavo
  • Quei soli 8 minuti dedicati da un medico a mia figlia Elena, rispedita a casa da Belcolle nonostante una grave infezione

    Mia figlia adesso sta bene. Ci ha messo un po’ a guarire ma sta bene. La paura che ci ha fatto prendere è stata enorme, ma ora che dopo diverse settimane tutto è passato finalmente riesco a ragionare a mente fredda. E se lo spavento se ne è andato, la rabbia invece no. La esorcizzo scrivendo. Voglio, perciò, raccontare oggi – e ho ritenuto opportuno raccontarlo anche alle autorità competenti chiamate a occuparsi di casi di possibile negligenza, presentando un esposto – quello che è accaduto prima che mia figlia Elena ricevesse in una struttura sanitaria non viterbese le cure adeguate per sconfiggere la seria infezione in cui purtroppo è incappata.

    0Shares
  • Il flash degli Igers Viterbo

    La chiesa romanica di San Pietro vista dal parco Torre di Lavello.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Il flash degli Igers Viterbo
  • L’Europa ci sta a cuore. Sfida e speranza per il nostro futuro

    Ce lo aveva promesso un paio di giorni fa quando ci ha inviato un incoraggiante video. Poche battute mirate, che ci hanno fatto un piacere immenso e ci hanno dato tanta voglia di andare avanti. E così eccolo, il primo articolo di Nuccio Fava sulle colonne interattive e disordinate dell’Arenone.

    Siamo lieti di presentarlo ai lettori per come ci é arrivato. E ringraziamo una delle colonne storiche del giornalismo italiano per aver dedicato qualche minuto del suo tempo a noialtri sciagurati.

    0Shares
    Commenti disabilitati su L’Europa ci sta a cuore. Sfida e speranza per il nostro futuro
  • Memorial “Andrea Arena” atto secondo: “Ma siete matti…”

    I pupi tornano a giocare. E lo faranno un’altra volta per te. Loro si divertiranno e noi ci emozioneremo come al solito. Torna il Memorial “Andrea Arena”, la manifestazione organizzata dal Calcio Tuscia di Patrizio Fimiani per ricordare te e quella tua sconfinata passione per il calcio e per i giovani.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Memorial “Andrea Arena” atto secondo: “Ma siete matti…”