• Buon compleanno Lady Oscar, che ci hai insegnato il valore (e il gusto) della disobbedienza

    Innanzitutto dobbiamo dirlo chiaramente: lei era una gran fica. Anzi, una strafica. Naturale, senza bisturi e botox (quelli sarebbero arrivati dopo, con le Winx). Di quelle che da bambina speri di diventare anche tu un giorno, pure se non sei alta e magra, con degli occhioni azzurri che Chiara Ferragni scansate proprio, e una chioma bionda, lunga, boccolosa e fluente che manco c’avesse avuto Federico Fescion Stail a sua disposizione h24.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Buon compleanno Lady Oscar, che ci hai insegnato il valore (e il gusto) della disobbedienza
  • Settembre, strani giorni. Tra sandali, diari e ricordi

    Giorni strani questi. Sospesi. Tra sandali e giubbotti. Tra infradito e sciarpe. Tra un costume e un piumino. Spesso indossati insieme, senza un criterio che abbia a che fare con la logica e il buon gusto.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Settembre, strani giorni. Tra sandali, diari e ricordi
  • L’ultima parola

    Finita la breve serie Racconti grotteschi da leggere sotto l’ombrellone, inizia quella dei Racconti grotteschi da leggere sotto l’ombrello.

    0Shares
  • Caffeina è solo la punta dell’iceberg

    Seguendo le orme del buon Marco anche Caffeina se ne è andata e non ritorna più. Ora speriamo solo che la Pausini non ci faccia una canzone. Sennò, come diceva quello, dopo il danno ce tocca pure la beffa.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Caffeina è solo la punta dell’iceberg
  • Giandomenico Pistonami. Dieci anni dopo la morte a Kabul

    Era in tarda mattinata e, come sempre in quei giorni, mi trovavo alla postazione della redazione del Nuovo Corriere Viterbese. Dovevo solo riempire tre pagine di stupidaggini per l’inserto estivo.

    Sullo sfondo le nuove in linea dei giornali nazionali.

    Arriva ovunque, in caratteri cubitali, la notizia di un attentato a Kabul.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Giandomenico Pistonami. Dieci anni dopo la morte a Kabul
  • Samara Challenge anche nella Tuscia, ovvero l’ennesima dimostrazione di quanto Darwin facesse uso di droghe pesanti

    Che poi diciamoci la verità: chi, da ragazzino, non ha fatto il coglione con gli amici simulando in mezzo alla strada un incidente col motorino per far fermare gli automobilisti che passavano per caso e poi farsi una cretina e puerile risata? Mi auguro che almeno lo abbiate fatto voi milioni di lettori di questo blog più grande del sistema solare, e se non lo avete fatto mi dispiace per le vostre anime integerrime, perché la goliardia divertente di quegli anni verdi, anche stupida e infantile, è quanto di più bello si possa serbare nei ricordi crescendo.

    0Shares
    Commenti disabilitati su Samara Challenge anche nella Tuscia, ovvero l’ennesima dimostrazione di quanto Darwin facesse uso di droghe pesanti